Camozzi Group, ABB e EVOLUT


16 Giugno 2017

Una partnership che concretizza il concetto di industria 4.0




Il Gruppo Camozzi in oltre 50 anni di storia ha sempre fondato le proprie strategie di sviluppo sull’innovazione continua sia di prodotto che di processo, valorizzando al tempo stesso il capitale umano investendo sull’incremento delle competenze interne. Grazie ad una crescita costante il Gruppo oggi è presente in oltre 70 Paesi nel mondo con 30 filiali e centri assistenza e può contare su 2500 dipendenti che operano nelle 10 aziende leader nei rispettivi settori, dall’automazione al meccanotessile, dalle macchine utensili alla trasformazione materie prime, sino al mondo del digitale.

Nel 2009 è partito il progetto della digitalizzazione d’impresa, nella convinzione che ci fosse in atto una trasformazione industriale, che ha portato alla creazione di una Business Unit oggi concretizzata in Camozzi Digital con l’obiettivo di supportare le aziende che vogliono crescere e avere successo sfruttando l’innovazione digitale e l’Internet of Things (IoT) ma soprattutto valorizzare il capitale umano interagendo, tramite la conoscenza di dominio e Big Data, con soluzioni algoritmiche che grazie alle tecnologie abilitanti creano la digitalizzazione d’impresa.

In Camozzi Digital vengono integrate tutte le competenze di dominio del Gruppo Camozzi legate alla ricerca e sviluppo, all’elettronica, al digitale, alla progettazione e sperimentazione avanzata, per offrire sia alle proprie aziende che al mercato soluzioni in grado di generare valore aggiunto.


“L’Industrial Internet of Things ha reso disponibile un’enorme quantità di dati, di immenso valore e dalle infinite potenzialità, che consente di ottenere un rapido aumento dell’efficienza e della produttività e, di conseguenza, ingenti risparmi; non sfruttare questo patrimonio, oggi, sarebbe un errore imperdonabile. Grazie alla condivisione del dato è divenuto possibile individuare e attivare quei comportamenti virtuosi che permettono di ridurre il rischio di fermo macchina e di migliorare quindi l’efficienza del sistema. Lavoriamo ogni giorno per concretizzare i concetti legati all’industria 4.0 e sfruttare le opportunità offerte dalle cosiddette tecnologie abilitanti”. Spiega Lodovico Camozzi, Presidente e CEO del Gruppo, che aggiunge: “valorizzare al meglio le nuove tecnologie significa anche collaborare con i diversi attori della filiera e l’obiettivo di Camozzi è quello di creare partnership importanti e durature con fornitori all’avanguardia; proprio in quest’ottica, citandone alcune ad esempio collaboriamo con Microsoft per tutto ciò che riguarda il mondo del cloud computing, con SAP per il MES, con ABB Robotica per la fornitura di robot e con Evolut Spa per l’integrazione dei sistemi produttivi, ed altri”.

Il risultato di questa collaborazione vincente è rappresentato dall’ultima isola di produzione realizzata presso lo stabilimento della divisione Camozzi Automation, situato a Polpenazze del Garda (BS). 
In un’area aperta, senza barriere vincolanti, lavorano fianco a fianco il robot collaborativo “Yumi”, realizzato da ABB Robotica e programmato grazie ad Evolut, ed un operatore per assemblare una serie di valvole Camozzi.

Secondo Marco Camozzi, Direttore Generale Camozzi Spa “questa soluzione rappresenta il futuro dell’automazione poiché combina l’efficienza dei cobot, in grado di apprendere e migliorare costantemente le proprie performance, con le competenze degli operatori che possono concentrare le proprie energie e su operazioni a valore aggiunto. La cella robotizzata è inoltre dotata di sensori e PLC che trasmettono i dati rilevati in cloud alla piattaforma di Camozzi Digital, dove vengono elaborati per fornire informazioni sull’efficienza dei processi, questo ci permette di determinare azioni correttive in tempo reale”.